L'isola che non c'è più

L'isola che non c'è più

L'odissea nel mondo di un principe Balinese

Idanna Pucci

€ 16,00

compra

Scheda dettagliata

 

Le avventure del principe Madé Djelantik, personalità tra le più amate nella storia contemporanea dell’isola di Bali, sono storie vere capaci di risvegliare sentimenti di meraviglia e gioia interiore in questi tempi di paure e incertezze.
Nato nel 1919 in piena epoca coloniale e feudale in un leggendario palazzo reale, il principe va a studiare all’ Università di Amsterdam.

La sua missione di medico lo porta nelle regioni più remote del mondo dove incontra e supera avventure e pericoli di ogni sorta, perfino l’arresto da parte della polizia segreta di Saddam Hussein.
In ogni circostanza egli reagisce con serenità e con un sublime senso dell’umorismo.
La sua straordinaria incolumità trova alimento in una costante ricerca di verità e nella sua incontenibile curiosità, ed è legata profeticamente anche a un «segno» individuato in lui bambino dal grande poeta indiano Rabindranath Tagore.
Questo viaggio alla scoperta di un mondo di tradizioni in via d’estinzione apre al lettore l’incomparabile visione di «un’isola che non c’è più».


«Un libro che ci ricorda come nell’arida trama di cause ed effetti della vita materiale può esistere un’altra trama, fatta di illuminazioni, coincidenze e miracoli...»
Francesco Clemente - pittore e disegnatore


«Una testimonianza affascinante e drammatica con il tocco dell’insider. Un libro senz’altro da leggere...»
Jane Perlez - The New York Times

 

«Questi racconti dal sapore magico dimostrano che è possibile essere cittadini globali pur rispettando le proprie le tradizioni...»
Mary Catherine Bateson - antropologa culturale


«Mi auguro che questo libro trovi il suo posto nel nostro mondo perché c’è molto da imparare all’interno delle sue pagine...»
Joesoef Isak - Pen Award for Freedom to Publish

 

Rassegne stampa

Città Nuova - Oreste Paliotti
28 agosto 2017
  Primavera di fame per gli Hunza, uno dei popoli più sani della terra GLI HUNZA, che abitano in Pakistan, in alta montagna, sulla catena del Karakorum, sono stati classificati, intorno al 1925, come uno dei popoli più sani della terra e da allora la loro alimentazione è stata studiata a più riprese. «Una delle caratteristiche delle loro tradizioni alimentari – scrive Giannozzo Pucci ne...Scarica il PDF

Scrivi un commento

Per lasciare un commento sul libro è necessario essere autenticati. Effettua il login oppure registrati